[41] διαφωνοῦνται δὲ καὶ αἱ ἀποφάσεις αὐτῶν καὶ ἄλλου ἄλλο φασὶν εἶναι, ὡς ἐκεῖνο˙

ἦν Λακεδαιμόνιος Χίλων σοφός, ὃς τάδ' ἔλεξε˙
μηδὲν ἄγαν˙ καιρῷ πάντα πρόσεστι καλά.


στασιάζεται δὲ καὶ περὶ τοῦ ἀριθμοῦ αὐτῶν. Μαιανδρίου μὲν γὰρ ἀντὶ Κλεοβούλου καὶ Μύσωνος Λεώφαντον Γορσιάδα, Λεβέδιον ἢ Ἐφέσιον, ἐγκρίνει καὶ Ἐπιμενίδην τὸν Κρῆτα (FGrH 492 F 16)˙ Πλάτων δὲ ἐν Πρωταγόρᾳ (343a) Μύσωνα ἀντὶ Περιάνδρου˙ Ἔφορος δὲ (FGrH 70 F 182) ἀντὶ Μύσωνος Ἀνάχαρσιν˙ οἱ δὲ καὶ Πυθαγόραν προσγράφουσιν. Δικαίαρχος δὲ (Wehrli I, fr. 32) τέσσαρας ὡμολογημένους ἡμῖν παραδίδωσι, Θαλῆν, Βίαντα, Πιττακόν, Σόλωνα. ἄλλους δὲ ὀνομάζει ἕξ, ὧν ἐκλέξασθαι τρεῖς, Ἀριστόδημον, Πάμφυλον, Χίλωνα Λακεδαιμόνιον, Κλεόβουλον, Ἀνάχαρσιν, Περίανδρον. ἔνιοι προστιθέασιν Ἀκουσίλαον Κάβα ἢ Σκάβρα Ἀργεῖον.

[41] Le loro sentenze sono tramandate in modo discorde e sono attribuite ora all'uno ora all'altro. È il caso di questa: 141*

Fu il sapiente spartano Chilone che affermò: «Nessun eccesso: tutto quanto è opportuno è bello».

Anche sul loro numero non si è d'accordo. Meandrio 142* pone, al posto di Cleobulo e di Misone, Leofanto figlio di Gorgiade, Lebedio detto anche Efesio ed Epimenide Cretese; Platone nel Protagora 143* Misone in vece di Periandro; Eforo 144* Anacarsi in vece di Misone; altri ancora aggiungono Pitagora. Dicearco 145* ci tramanda quattro sapienti col consenso di tutti, Talete, Biante, Pittaco, Solone. Ne nomina altri sei - dei quali tre se ne devono scegliere - cioè Aristodemo, Panfilo, Chilone Spartano, Cleobulo, Anacarsi, Periandro. Alcuni aggiungono Acusilao figlio di Caba o Scabra, di Argo. 146*