[38] ἐτελεύτησε δ' ἐτῶν ἑβδομήκοντα ὀκτώ, (ἤ, ὡς Σωσικράτης φησίν - FHG IV. 501 -, ἐνενήκοντα)˙ τελευτῆσαι γὰρ ἐπὶ τῆς πεντηκοστῆς ὀγδόης Ὀλυμπιάδος, γεγονότα κατὰ Κροῖσον, ᾧ καὶ τὸν Ἅλυν ὑποσχέσθαι ἄνευ γεφύρας περᾶσαι, τὸ ῥεῖθρον παρατρέψαντα.
Γεγόνασι δὲ καὶ ἄλλοι Θαλαῖ, καθά φησι Δημήτριος ὁ Μάγνης ἐν τοῖς Ὁμωνύμοις, πέντε˙ ῥήτωρ Καλλατιανός, κακόζηλος˙ ζωγράφος Σικυώνιος, μεγαλοφυής˙ τρίτος ἀρχαῖος πάνυ, κατὰ Ἡσίοδον καὶ Ὅμηρον καὶ Λυκοῦργον˙ τέταρτος οὗ μέμνηται Δοῦρις ἐν τῷ Περὶ ζωγραφίας (FGrH 76 F 31)˙ πέμπτος νεώτερος, ἄδοξος, οὗ μνημονεύει Διονύσιος ἐν Κριτικοῖς.
[38] Morì a settantotto anni, o, come dice Sosicrate, 130* a novanta: morì infatti nella LVIII Olimpiade: 131* visse sotto Creso, a cui promise di fargli attraversare il fiume Alis senza ponte, dopo aver deviato la corrente.
Vi furono anche altri col nome di Talete; secondo Demetrio di Magnesia negli Omonimi, cinque: I. un retore di Callatis, affettato e di cattivo gusto; II. un altro di Sicione, pittore magnanimo; III. antichissimo, contemporaneo di Esiodo, Omero e Licurgo; IV. menzionato da Duride 132* nella sua opera Sulla pittura; V. recente ed oscuro, ricordato da Dionisio nei suoi Saggi critici.