C. IMITAZIONI


86 C 1. PLAT. Protag. 337 C sgg. Dopo Prodico, parlò il dotto Ippia: - O voi qui presenti, io credo che siate tutti quanti parenti e familiari e concittadini per natura, non per legge; perché per natura il simile è parente del suo simile, mentre la legge, tiranna degli uomini, commette molte violenze contro natura.33* Ora dunque è indecoroso che voi, che pur conoscete la natura delle cose, per essere i più dotti degli Elleni, e perciò stesso qui convenuti in questo direi quasi pritaneo della sapienza dell'Ellade, e per di più nella casa più autorevole e più facoltosa di questa città, è indecoroso, dico, che non esprimiate nulla di degno di tanto prestigio, ma contendiate tra voi come volgarissima gente. Io dunque vi prego e insieme vi consiglio, o Protagora e Socrate, di venire a un accordo dettato da noi, quasi mediatori ed arbitri; e tu, Socrate, non esser così pedante nel pretendere che il dialogo si svolga a brevissime domande e risposte, se a Protagora non va a genio, ma lascia correre e allentar le briglie ai discorsi, perché ci appariscano più solenni e maestosi; e tu a tua volta, Protagora, non spiegar tutte le vele, non abbandonarti al vento, non te ne fuggire nel pelago delle parole sì da perder di vista la terra; ma tenete ambedue la via di mezzo. Fate dunque così e datemi retta, scegliendo un giudice e direttore e preside del certame, il quale regoli ad ambedue la lunghezza dei discorsi.

C. IMITATION


86 C 1. PLATO Protag. 337 C ff. μετὰ δὲ τὸν Πρόδικον Ἱππίας ὁ σοφὸς εἶπεν, Ὦ ἄνδρες, ἔφη, οἱ παρόντες, ἡγοῦμαι ἐγὼ ὑμᾶς συγγενεῖς τε καὶ οἰκείους καὶ πολίτας ἅπαντας εἶναι. φύσει, οὐ νόμῳ˙ τὸ γὰρ ὅμοιον τῷ ὁμοίῳ φύσει συγγενές ἐστιν, [II 333. 20 App.] ὁ δὲ νόμος, τύραννος ὢν τῶν ἀνθρώπων, πολλὰ παρὰ τὴν φύσιν βιάζεται ἡμᾶς οὖν αἰσχρὸν τὴν μὲν φύσιν τῶν πραγμάτων εἰδέναι, σοφωτάτους δὲ ὄντας τῶν Ἑλλήνων, καὶ κατ' αὐτὸ τοῦτο νῦν συνεληλυθότας τῆς τε Ἑλλάδος εἰς αὐτὸ τὸ πρυτανεῖον τῆς σοφίας καὶ αὐτῆς τῆς πόλεως εἰς τὸν μέγιστον καὶ ὀλβιώτατον οἶκον τόνδε, μηδὲν τούτου τοῦ ἀξιώματος ἄξιον ἀποφήνασθαι, ἀλλ' ὥσπερ τοὺς [II 333. 25] φαυλοτάτους τῶν ἀνθρώπων διαφέρεσθαι ἀλλήλοις. ἐγὼ μὲν οὖν καὶ δέομαι καὶ συμβουλεύω, ὦ Πρωταγόρα τε καὶ Σώκρατες, συμβῆναι ὑμᾶς ὥσπερ ὑπὸ διαιτητῶν ἡμῶν συμβιβαζόντων εἰς τὸ μέσον, καὶ μήτε σὲ τὸ ἀκριβὲς τοῦτο εἶδος τῶν διαλόγων ζητεῖν τὸ κατὰ βραχὺ λίαν, εἰ μὴ ἡδὺ Πρωταγόρᾳ, ἀλλ' ἐφεῖναι καὶ χαλάσαι τὰς ἡνίας τοῖς λόγοις, ἵνα μεγαλοπρεπέστεροι καὶ εὐσχημονέστεροι ἡμῖν [II 334. 1 App.] φαίνωνται, μήτ' αὖ Πρωταγόραν πάντα κάλων ἐκτείναντα, οὐρίᾳ ἐφέντα, φεύγειν εἰς τὸ πέλαγος τῶν λόγων ἀποκρύψαντα γῆν, ἀλλὰ μέσον τι ἀμφοτέρους τεμεῖν. ὣς οὖν ποιήσετε, καὶ πείθεσθέ μοι ῥαβδοῦχον καὶ ἐπιστάτην καὶ πρύτανιν ἑλέσθαι ὃς ὑμῖν. φυλάξει τὸ μέτριον μῆκος τῶν λόγων ἑκατέρου.