86 A 6. PLAT. Hipp. mai. 281 A. [Socrate e Ippia:] - O bello e dotto Ippia, da quanto tempo non approdi da noi, ad Atene! - Non ho tempo, Socrate; perché quando Elide deve trattare qualche affare con un'altra città, sempre, prima che ad altri cittadini, si rivolge a me, e mi elegge a legato, certa com'è ch'io sia il più esperto giudice e relatore dei colloqui che si tengono nelle varie città. E fui spesso ambasciatore in questa o quella città, ma soprattutto, e sempre per affari della più alta importanza, a Sparta. Ecco perché, come mi chiedi, non vengo spesso da queste parti. 86 A 6. PLATO Hipp. mai. 281 A [Sokr., Hipp.] Ἱππίας ὁ καλός τε καὶ σοφός, [II 327. 30 App.] ὡς διὰ χρόνου ἡμῖν κατῆρας εἰς τὰς Ἀθήνας. - Οὐ γὰρ σχολή, ὦ Σώκρατες. ἡ γὰρ Ἦλις ὅταν τι δέηται διαπράξασθαι πρός τινα τῶν πόλεων, ἀεὶ ἐπὶ πρῶτον ἐμὲ ἔρχεται τῶν πολιτῶν αἱρουμένη πρεσβευτήν, ἡγουμένη δικαστὴν καὶ ἄγγελον ἱκανώτατον εἶναι τῶν λόγων, οἳ ἂν παρὰ τῶν πόλεων ἑκάστων λέγωνται. πολλάκις μὲν οὖν καὶ εἰς ἄλλας πόλεις ἐπρέσβευσα, πλεῖστα δὲ καὶ περὶ πλείστων καὶ μεγίστων [II 327. 30] εἰς τὴν Λακεδαίμονα˙ διὸ δή, ὃ σὺ ἐρωτᾶις, οὐ θαμίζω εἰς τούσδε τοὺς τόπους.