[99] τοῦτο καὶ Νεάνθης φησὶν ὁ Κυζικηνός (FGrH 84 F 19), ἀνεψιούς τε εἶναι ἀλλήλοις. καὶ Ἀριστοτέλης μὲν (Rose 517) τὸν Κορίνθιόν φησιν εἶναι τὸν σοφόν˙ Πλάτων δὲ (Prot. 343a) οὔ φησιν. Τούτου ἐστί˙ Μελέτη τὸ πᾶν. ἤθελε δὲ καὶ τὸν Ἰσθμὸν διορύξαι.
φέρεται δὲ αὐτοῦ καὶ ἐπιστολή (Hercher 408)˙

Περίανδρος τοῖς Σοφοῖς

Πολλὰ χάρις τῷ Πυθοῖ Ἀπόλλωνι τοῦ εἰς ἓν ἐλθόντας εὑρεῖν. ἀξοῦντί τε καὶ ἐς Κόρινθον ταὶ ἐμαὶ ἐπιστολαί. ἐγὼν δὲ ὑμᾶς ἀποδέχομαι, ὡς ἴστε αὐτοί, ὅτι δαμοτικώτατα. πεύθομαι ὡς πέρυτι ἐγένετο ὑμῶν ἁλία παρὰ τὸν Λυδὸν ἐς Σάρδεις. ἤδη ὦν μὴ ὀκνεῖτε καὶ παρ' ἐμὲ φοιτῆν τὸν Κορίνθου τύραννον. ὑμᾶς γὰρ καὶ ἄσμενοι ὄψονται Κορίνθιοι φοιτεῦντας ἐς οἶκον τὸν Περιάνδρου.

Περίανδρος Προκλεῖ
[99] Questo afferma anche Neante di Cizico, 259* il quale aggiunge che erano legati l'uno all'altro da vincoli di parentela. Ed Aristotele 260* dice che il corinzio è il sapiente; Platone 261* lo nega. Di lui è l'apoftegma: «Lo zelo è tutto». Voleva anche perforare l'Istmo. Di lui si tramandano pure queste epistole:

Periandro ai Sapienti.

Molte grazie ad Apollo Pitio del trovarvi insieme convenuti. Le mie lettere vi porteranno a Corinto. Io vi accoglierò 262* come sapete, nel modo più civile. So che l'anno scorso teneste adunanze a Sardi alla corte del re lidio. Orbene non indugiate oltre, ad incontrare il tiranno di Corinto. I Corinzii vi vedranno volentieri ospiti nella casa di Periandro.

Periandro a Procle.